viaggiare mangiando

un viaggio nel mondo del gusto e non…

Kuala Lumpur: seguendo un esempio sbagliato. febbraio 8, 2010

Filed under: Uncategorized — giagio @ 6:55 am
Tags: , , , , ,

Eccomi qui, a quasi due settimane dal mio arrivo in Malesia: non ho scattato neanche una fotografia e già sono stufo. Mi aspettavo qualcosa di diverso, pensavo che prendere un volo di 13 ore fosse sufficiente per ritrovarmi in una realtà differente: così non è stato.

"Morrò pecora nera.. è facile tornare tra le tante stanche pecore bianche" da Haring on flickr

Sono semplicemente in un’altra grande città: il clima è differente, si parlano lingue differenti, si mangia cibo differente, la pelle delle persone che incontri ha un colore differente ma a parte questo, è solamente un’altra grande città, dove qualcuno ha tanti soldi e gli altri cercano di farglieli spendere nei modi più svariati. Non so che cosa aspettavo di trovarmi, ma sono certo che non l’ho trovato. È vero che ho la possibilità di conoscere culture e tradizioni diverse, ma che senso ha se tutti stanno cercando di svilupparsi nel modo più veloce possibile seguendo il modello occidentale e dimenticandosi del proprio background.

Possibile che nessuno si renda conto che l’occidente non è poi tutto così rose e fiori e che non è proficuo seguire un modello se questo non è vincente, che è più facile costruire qualcosa di nuovo ed originale basandosi sul proprio bagaglio culturale e applicando la propria creatività.

Andandomene dall’Europa speravo di lasciarmi alle spalle questa stupida consuetudine di sognare il proprio futuro mettendo la propria faccia sul corpo di qualche persona di successo, di proprio padre o di qualche imbecille visto in televisione. Non sono mai riuscito a capacitarmi di come nessuno riesca semplicemente ad accettare che la propria vita sarà diversa da quella di chiunque altro e che non ha bisogno di raggiungere l’obbiettivo che qualcuno ha raggiunto prima di lui ma deve semplicemente costruire la propria strada nel modo più intelligente possibile rimanendo sensibile alle persone che lo circondano ed alle opportunità offerte dalla vita. Tutti alla ricerca del successo o rassegnati ad non averlo raggiunto.

Speravo che questo viaggio mi potesse allontanare da tutto questo ed invece ci ho sbattuto la faccia contro ancora una volta, ancora più violentemente, perché mi sono ritrovato proprio nella fase in cui ognuno cerca di infilarsi nel sistema, di non rimanerne tagliato fuori… ed io che cercavo di uscirne!